News

News (4)

5x1000 Alla Misericordia

OGGI PUOI AIUTARE ANCORA DI PIÚ LA TUA ASSOCIAZIONE!

Anno 2014

SENZA NESSUNA SPESA, BASTA UNA FIRMA.

 

COSA FARE: Il contribuente per destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche, relativa al periodo d’imposta del 2013, deve apporre la firma in uno degli appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione (CUD 2013 relativo ai redditi 2012; modello 730-1 redditi 2013; unico persone fisiche periodo d’imposta 2013).Inoltre deve essere indicato il Codice Fiscale del soggetto a cui si intende destinare direttamente la quota del 5 per mille.

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell’8 per mille non si escludono a vicenda pertanto possono essere fatte entrambe.

Chiedi al tuo commercialista di fiducia o ai patronati come donare il 5 per mille alla Misericordia di Santa Teresa Gallura.

 

Sostieni la Tua Associazione!

 

Scrivi il Codice Fiscale della Misericordia e firma anche Tu!

Il Codice Fiscale della Confraternita di Misericordia di Santa Teresa Gallura è

 

91031070906

 

Grazie, i volontari della Misericordia

 

Read more...

Volontariato Vacanze 2014

La Misericordia di Santa Teresa Gallura è solita offrire per ogni stagione estiva, dal 1 giugno al 30 settembre, la possibilità di un soggiorno nei nostri più rinomati ed apprezzati luoghi di villeggiatura. L’associazione offre vitto e alloggio, nella propria struttura operativa, in cambio di un turno quotidiano di circa sette ore.

Per poter aderire all’iniziativa il confratello o consorella, dovrà essere in possesso delle seguenti abilitazioni, in corso di validità (così come previsto dalla convenzione 118 Regione Sardegna) per lo svolgimento del servizio di emergenza-urgenza:

  • BLSD (linee guida IRC 2010);
  • PTC-BASE (linee guida IRC) in corso di validità.

Compatibilmente con il numero delle adesioni anche la prestazione può subire variazioni più favorevoli. Inutile rammentare che destinatari della predetta iniziativa riguarda esclusivamente appartenenti alle associazioni Consorelle.

BREVE INTRODUZIONE

Santa Teresa Gallura é situata sull’estremità della costa settentrionale della Sardegna (Italy), affacciata sullo stretto delle Bocche di Bonifacio, è lo scalo dei traghetti che giornalmente collegano la Sardegna alla Corsica (Francia), dalla quale dista circa 9 miglia.

La cittadina è facilmente raggiungibile, dal porto e dall’aeroporto di Olbia, in meno di un’ora di macchina; dal porto di Porto Torres poco più di novanta minuti; circa due ore dall’aeroporto di Alghero.

A chi arriva via terra, Santa Teresa Gallura, collocata in fondo al lungo rettilineo della via Nazionale, sembrerebbe a prima vista uno dei pochi paesi di pianura della Sardegna. In realtà, e se ne accorge subito chi invece arriva dal mare, si stende su un tavolato roccioso, a 44 m. sul livello del mare, proteso verso il canale delle Bocche, in un tratto in cui la costa è molto frastagliata. Il clima ha una temperatura media di 20 gradi a Giugno e Settembre e 24/26 in Luglio e Agosto. Meta turistica molto ambita, infatti l’economia del borgo è fondata sulla forte presenza turistica, italiana e straniera. La spiaggia più importante è la Rena Bianca, la spiaggia della cittadina (250 metri dalla sede operativa), situata nelle immediate vicinanze del centro storico e facilmente raggiungibile a piedi. Molto frequentata sia dai locali che dai villeggianti, è a forma di falce e si trova incastonata tra scogliere e fitti boschetti verdi alle sue spalle. Il litorale è di sabbia fine di un bianco brillante, con sfumature rosa dovute ai numerosi frammenti di corallo. Il mare su cui si affaccia è limpidissimo, turchese e trasparente, dal fondale piuttosto basso. Rena Bianca si affaccia sulle Bocche di Bonifacio davanti alla Corsica e verso ovest è protetta dall’isola di Municca, mentre sul lato opposto è chiusa dalle rupi di Porto Longone e Punta Falcone. La spiaggia è attrezzata ed offre un ampio parcheggio, bar, taverne e hotel nelle vicinanze.

CAPO TESTA

Dal centro di Santa Teresa si percorre una strada panoramica ed in 5 Km. si arriva a questo promontorio circolare caratterizzato da rocce granitiche dalle forme spettacolari che richiamano contorni di animali: il nome stesso deriverebbe dalla sua somiglianza ad una testa umana, mentre una seconda interpretazione al caput viarum romano, cioè al capolinea delle strade che portavano verso l’interno e verso il sud dell’Isola. Il paesaggio delle rocce modellate dal vento e dall’acqua, è sempre fonte di attrazione per molti visitatori. Capo testa è collegato alla terraferma da uno stretto istmo i cui fianchi accolgono le spiagge di Rena di Levante e Rena di Ponente. Questi due versanti permettono sempre da una parte il mare calmo in funzione della direzione del vento. Percorrendo la strada fino alla fine si giunge al faro di Capo Testa da dove a piedi è possibile seguire una dei sentieri che scendono al mare, come quello che conduce alla spiaggia di Cala Spinosa.

CONTATTI:

Per informazioni e prenotazioni contattare la nostra segreteria:

telefono 0789.754724

fax 0789.741642

cellulare: 346.4202678, 346.4202675, 3939911069

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Read more...

Missione Gallura

Il silenzio di quella silenziosa mattina di metà aprile dentro l’ufficio della Misericordia di Anghiari è rotto dal rumore del fax.

Due squilli, poi il rumore della stampante, infine la macchina sputa fuori un foglio. Mittente: Misericordia di Santa Teresa Gallura.

Si richiede a tutte le Misericordie che possano e vogliano farlo, l’invio di alcuni volontari per coprire i turni di emergenza territoriale durante l’estate.

Passano pochi secondi.

Quelli necessari a realizzare che Santa Teresa si trova sulla costa della Sardegna settentrionale, d’estate una delle mete più belle sognate da tutti gli amanti del mare.

Il Mare vero, quello pulito, con le scogliere, con i pesci vicino alla riva. Non come quello che abbiamo qui vicino, proprio dietro gli Appennini.

Calma ragazzi!

Solo un’altra occhiata al fax, per leggere meglio i requisiti. Si richiede buona preparazione ed esperienza dei volontari, aver frequentato vari corsi di pronto soccorso e avaere l’attestato per l’uso del defibrillatore automatico.Un rapido controllo e scopriamo che molti nostri volontari hanno i requisiti necessari.

Corriamo tutti a casa, a rispolverare e ostentare con orgoglio gli attestati conseguiti. E facciamo la promessa di non lamentarci più per essere sottoposti a continui corsi, ripassi e aggiornamenti…

Un giro di telefonate, per sapere chi è disponibile e in che periodo. Diciamo la verità? Via, diciamola: se la richiesta fosse venuta da un paesino in mezzo all’Aspromonte o da uno sperduto villaggio della Pianura Padana... magari ci sarebbe voluto un po’ di tempo per trovare qualche anima buona, e qui è il caso di dirlo, misericordiosa, che potesse accettare! Ma per la Sardegna…….Il 6 Luglio è giorno della partenza per i primi tre volontari: Marta, Laura e Michele.

Dopo alcuni giorni arriveranno i rinforzi: Marco, Emanuela e Alessandro.

Il nostro lavoro è quello di coprire i turni della postazione estiva EOL 09, presso il villaggio turistico di Vignola. Per metà giornata accanto all’ambulanza, pronti a partire. L’atra metà a nostra disposizione, per poterci godere lo splendido mare dell’isola. Poche le chiamate, per fortuna niente di grave. Sono strani questi sardi: paesi più grandi di Anghiari e San Sepolcro hanno l’ospedale più vicino a sessanta chilometri nell’entroterra, raggiungibile con un’unica strada tutte curve. Ma per loro và bene. “Ajò, sempre così è stato…” E noi ci arrabbiamo se a volte bisogna andare a Città di Castello a fare l’analisi….Diversi ospiti del campeggio si avvicinano alla nostra ambulanza per chiederci medicazioni e consigli: durante il servizio il nostro aspetto è tutto sommato molto professionale, anche se con la mente siamo già in acqua che facciamo il bagno.

Che bello fare servizio dentro un campeggio! Ma che sofferenza stare a pochi metri da quel mare vestiti con una tuta rinforzata e gli scarponi ai piedi!Il tempo vola. Siamo appena arrivati e già bisogna ripartire. Certo la Sardegna è incredibile. Ti accoglie in modo semplice, quasi umile. In silenzio. Non ci sono imponenti hotel tutti uguali costruiti a pochi metri dal mare, non ci sono festosi bagnini che ti affitterebbero qualunque cosa.

La Sardegna ti accoglie con rocce, colline brulle, tanto vento. Poi pian piano ti sbalordisce, ti lascia senza fiato. Anche la gente è cosi: all’inizio solo una stretta di mano, un sorriso, poche domande. E poi ti sorprende. Vai a pagare e hanno già pagato loro, ti caricano in macchina e fanno cento chilometri per farti fare una passeggiata a Porto Cervo, si aprono con te e raccontano la loro vita privata. E l’ultimo giorno minacciano di rubarti il biglietto della nave o chiuderti dentro casa, pur di non farti partire. Ma tranquilli, che se sarà possibile, il prossimo anno si torna! 

Grazie ai Confratelli di Anghiari per il prezioso contributo

Che Iddio ve ne renda merito

I Confratelli della Misericordia di Santa Teresa G.

Read more...

Esercitazione Internazionale Antincendio Fire 5 Sardinia 2008

Dal 14 al 19 aprile si è svolta una grande esercitazione internazionale di protezione civile denominata: “Sardinia ARsons DIrect NIxing Action”, ovvero “Sardinia 2008″. L’esercitazione si è svolta nella regione nord-orientale della Sardegna (Gallura) e ha avuto come tema una tipologia di rischio comune a molti Paesi dell’area mediterranea: quella degli incendi boschivi, soprattutto negli aspetti specifici di protezione civile. Il crescente verificarsi di incendi boschivi, che hanno colpito in particolare i Paesi del Europa meridionale, e le loro gravi conseguenze hanno evidenziato negli ultimi anni, anche a livello europeo, la necessità di intensificare l’impegno comune nella lotta a questo fenomeno.

Sardinia 2008 rientra nel programma delle attività istituite dal Meccanismo Comunitario di Protezione Civile, come iniziativa particolare del progetto europeo di cooperazione transfrontaliera Fire 5. Tutte le attività in programma prevedono la partecipazione dei cinque Stati partner del progetto Fire 5 – Francia, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna – attraverso l’invio di esperti, mezzi e squadre antincendio di terra e aeree, nonché la presenza di numerosi Osservatori provenienti dai Paesi partner e associati al Progetto Fire 5, da altri paesi appartenenti all’Unione Europea, all’Area Economica Europea, ai Balcani e ad Euromed, nonché da Agenzie delle Nazioni Unite, dalla Federazione Russa e da Paesi Terzi.

Momento centrale della manifestazione è stata l’esercitazione di antincendio boschivo nei comuni di Loiri Porto San Paolo e di Arzachena che ha avuto luogo nei giorni 17 e 18 aprile. L’esercitazione ha simulato lo svilupparsi di un vasto fronte di incendi boschivi che ha richiesto l’intervento di un massiccio dispiegamento di uomini e mezzi antincendio provenienti da Organizzazioni nazionali di volontariato, da altre Regioni italiane (Liguria, Piemonte, Toscana, Lazio, Marche, Molise, Abruzzo) e da Stati europei partecipanti al progetto Fire 5, oltre ai volontari della Gallura. Il trasferimento dal porto di La Spezia a quello di Olbia delle squadre di terra ha avuto luogo tramite l’impiego della nave San Marco della Marina Militare italiana.

Sardinia 2008 si è conclusa sabato 19 aprile con una manifestazione aerea presso l’aeroporto di Olbia (vedi il video). Nell’area aeroportuale è stata allestita una mostra statica dei più moderni mezzi aerei e di terra impiegati nella lotta agli incendi boschivi. Infine il pubblico e le autorità presenti hanno potuto assistere ad una simulazione in volo delle operazioni di spegnimento degli incendi realizzata dai mezzi aerei nazionali e internazionali intervenuti all’esercitazione.

Read more...
Subscribe to this RSS feed